ESPOSITORI (DOCUMENTAZIONE)

DOCUMENTAZIONE PER GLI ESPOSITORI

Gli espositori possono appartenere a tre diverse tipologie:

  • commercianti/ambulanti con regolare licenza
  • artisti dell’ingegno
  • hobbisti

  • COMMERCIANTI/AMBULANTI CON REGOLARE LICENZA

Mentre la prima tipologia (OPERATORI CON LICENZA) è rigidamente normata, può crearsi qualche confusione in merito alle ultime due. Vediamole più da vicino.

  • ARTISTI DELL’INGEGNO

Sono coloro che vendono o espongono per la vendita le proprie opere d’arte, nonché le opere dell’ingegno a carattere creativo. Questa tipologia di espositori può partecipare ai mercatini con una semplice autocertificazione, in cui si dichiara che le opere in vendita sono frutto della propria abilità, creatività e ingegno (scarica modulo di autocertificazione). Es. Maglieria, tessili e bigiotteria artigianale, lavorazione materiali naturali come ceramica, legno, ferro, vetro ecc. 

  • HOBBISTI

Sono coloro che, non essendo in possesso di licenza, vendono, barattano, propongono o espongono, in modo saltuario ed occasionale, merci di modico valore. Possono partecipare solo ai mercatini aperti alla partecipazione degli hobbisti. Dal 30.12.2013 il Comune di Parma ha inviato la comunicazione ufficiale relativa all’adeguamento da parte degli hobbisti alle nuove disposizioni di legge regionali.  Legge 12/1999 della Regione Emilia Romagna, (l’art. 7 bis) Deliberazione di Giunta Regionale n. 844 del 24/06/2013

Gli espositori non in possesso di regolare licenza che vogliano partecipare ai mercatini organizzati in Emilia Romagna dovranno essere muniti di tesserino dell’hobbista.

Gli espositori non in possesso di regolare licenza che vogliano partecipare ai mercatini organizzati in Emilia Romagna dovranno essere muniti di tesserino dell’hobbista.

IL TESSERINO DA HOBBISTA PER CHI RISIEDE IN EMILIA ROMAGNA

Come richiederlo: tutte le info per chi è residente fuori regione

In numerosi mercati dell’Emilia Romagna, per esporre è necessario il TESSERINO DA HOBBISTAHa un costo di 200€ e una durata di 1 anno (rinnovabile una sola volta nell’arco di 5 anni) e dà la possibilità di partecipare fino a 10 mercatini organizzati in tutta la Regione. I requisiti personali e le procedure per richiedere il tesserino variano a seconda della residenza dell’espositore: 

  • Chi abita in regione deve rivolgersi direttamente al proprio Comune.
  • Chi abita fuori regione deve rivolgersi allo Sportello Attività Produttive SUAP del Comune di Bologna.

Vediamo in dettaglio come chi risiede in un’altra regione può farsi erogare il tesserino da hobbista in Emilia Romagna. 

Richiedere il tesserino al SUAP del Comune di Bologna
Per la richiesta del tesserino hobbisti rivolgersi a:
Sportello Attività Produttive (SUAP) – Clicca qui per tutte le info
Telefono – 051 219 4013 (solo negli orari di apertura dello Sportello, salvo eccessiva affluenza di pubblico)
Email: sportelloimprese@comune.bologna.it
Referente: Responsabile di Direzione dott. Giancarlo Angeli
Referenti organizzativi: dott. Fabrizio Fugattini, dott.ssa Camilla Broccoli

Orari di apertura diretta al pubblico
lunedì ore 8:30-12:40
mercoledì ore 8:30-12:40
giovedì ore 8:30-12:40 e 15:00-16:40

Prenotazione appuntamenti
Fax 051 709 5061 (solo in caso di impossibilità di usare la PEC)
In assenza di appuntamento, si consiglia di presentarsi entro le ore 10, quando l’affluenza è minore. In prospettiva della chiusura dello Sportello fisico e della completa dematerializzazione delle pratiche SUAP entro il 2015, si consiglia di utilizzare tutti gli strumenti telematici a disposizione, evitando fin d’ora per quanto possibile di presentarsi personalmente allo Sportello. Lo Sportello è aperto in modalità online tutti i giorni 24h/24

Costo e modalità pagamento del tesserino
Il costo del tesserino (diritti d’istruttoria) è di 200€, che devono essere versati sul c.c.p.n 52858917 intestato a Comune di Bologna – Sportello Imprese – diritti ed oneri – Servizio TesoreriaPer maggiori info clicca qui.

Requisiti per ottenere il tesserino
Gli hobbisti sono coloro che, non essendo in possesso dell’autorizzazione per il commercio su area pubblica, vendono, barattano, propongono o espongono, in modo saltuario ed occasionale, merci di modico valore. Essi possono operare solo nei mercatini aperti alla partecipazione degli hobbisti. Gli hobbisti devono essere in possesso dei requisiti di cui all’articolo 71 del decreto legislativo n. 59 del 2010 per svolgere la loro attività e devono essere in possesso di un tesserino identificativo rilasciato dal Comune di residenza, oppure dal Comune di Bologna per coloro che risiedono in un’altra regione.

Modalità di svolgimento dell’attività
1) Il tesserino è rilasciato per non più di una volta all’anno per nucleo di residenti nella stessa unità immobiliare e per un massimo di due anni, anche non consecutivi, nell’arco di cinque anni; tale tesserino, il cui rilascio è soggetto al pagamento di una somma, a titolo di diritti di istruttoria, pari a euro 200,00, non è cedibile o trasferibile ed è esposto durante la manifestazione in modo visibile e leggibile al pubblico e agli organi preposti al controllo. Esaurito il suddetto periodo di due anni, anche non consecutivi, l’hobbista, o chi risiede nella stessa unità immobiliare, per poter esercitare l’attività deve munirsi di autorizzazione per il commercio su aree pubbliche.
2) Gli hobbisti abilitati partecipano ad un massimo di dieci manifestazioni l’anno e non possono farsi sostituire da altri soggetti nell’esercizio della propria attività. Si considera unitaria la partecipazione a manifestazioni della durata di due giorni, purché consecutivi.
3) Prima dell’assegnazione del posteggio si procede obbligatoriamente alla vidimazione, con timbro e data, di uno degli appositi spazi del tesserino. Anche nell’ipotesi in cui la gestione delle manifestazioni sia affidata a soggetti diversi, l’attività di controllo e di vidimazione spetta al Comune ospitante.
4) Gli hobbisti non possono comunque vendere, barattare, proporre o esporre più di un oggetto con un prezzo superiore a euro 100,00; in ogni caso, il valore complessivo della merce esibita non può essere superiore a euro 1.000,00I prezzi devono essere esposti come previsto dall’articolo 14 del decreto legislativo n. 114 del 1998.
5) Ciascun hobbista consegna al Comune, in occasione della vidimazione del tesserino, l’elenco completo dei beni che intende vendere, barattare, proporre o esporre. L’elenco contiene la descrizione delle tipologie dei beni, il relativo prezzo al pubblico e l’indicazione della persona fisica o giuridica da cui l’hobbista li ha acquisiti.


DOCUMENTAZIONE NECESSARIA